La buona notizia è nella capacità degli italiani di reagire alle costrizioni concentrandosi sul valore delle cose in modo personale e per questo creativo.

La si può esprimere in questioni di forma o nel schernire la situazione ma alla base c’è un mantenimento del valore dell’atto che si sta compiendo. Camilleri diceva, del lavorare in casa, che lui si vestiva come se fosse dovuto uscire perché l’atto di scrivere merita rispetto come un lavoro.

E’ bello vedere come in modi diversi gli stessi sentimenti di rispetto per un passaggio vengono espressi in modo personale e molto umano, che si tratti di formalità o alleggerimento, dagli italiani bloccati in casa, che sia l’ingegnere del politecnico o la ragazza che deve scegliere l’abito.

Come nota bene il neo ingegnere la laurea è una meta ma un trampolino, come nell’origine del significato della parola, di passaggio per andare oltre, una metafora del momento

Le storie sono tratte dal Milionaire e dal gruppo FB  Mamme che scrivono messaggi

Riferimenti:
https://www.millionaire.it/laurea-al-politecnico-ai-tempi-del-coronavirus/
https://www.facebook.com/groups/mammechescrivonomessaggi/?post_id=1266327513557071
https://it.mashable.com/coronavirus/2385/laurearsi-ai-tempi-del-coronavirus-discussione-su-skype-e-brindisi-su-messenger

La laurea al tempo del CoronaVirus
Tag: